Navigare Facile

Riviera del Brenta: la Storia

Storia della Riviera del Brenta

Grazie alle numerose testimonianze, possiamo affermare con certezza che la zona oggi nota come 'Riviera del Brenta' si rivelò ospitale e favorevole all'insediamento umano già in tempi antichissimi: si suppone, infatti, che i primi insediamenti siano apparsi sulle riva del Brenta Vecchio intorno al V secolo a.C. per poi occupare l'area fino all'arrivo delle forze romane (attorno al I secolo a.C.).

L'importanza di questo tratto fluviale venne scorta già dai romani che innalzarono attorno alle sue sponde tutte le infrastrutture necessarie alla vita della comunità, modificando e modellando il paesaggio secondo le proprie necessità e basando la propria vita su attività come la pesca e l'agricoltura.
Attorno al VI secolo poi, buona parte del Naviglio del Brenta venne stabilmente occupata dalla popolazione Longobarda, la quale rimase però estranea alla fascia lagunare, ancora sotto il controllo dell'Impero Romano d'Oriente. Alla caduta di quest'ultimo, l'intera area venne invasa dai Franchi per poi cadere nelle mani dei feudatari locali, ma nessuno riuscì mai ad avere il pieno controllo su tutto il tratto fluviale corrispondente all'attuale Riviera del Brenta.

La costruzione del primo monastero benedettino, nell' 819d.C., fu il primo segnale dell'unificazione della Riviera del Brenta, la quale, continuamente contesa tra Padova e Venezia, assistette una radicale trasformazione del proprio territorio. In questo periodo, infatti, la schiacciante potenza di Venezia e l'importanza dei commerci, spinsero la grande Repubblica ad adoperarsi per le importanti opere di bonifica e di messa a coltura della zona. Il conseguente aumento demografico, favorito dalle migliori condizioni di vita, andò poi di pari passo con il sorgere delle signorie, le quali non mancarono di apportare ulteriori cambiamenti e miglioramenti al territorio; tra le opere più importanti ed incisive, si ricorda ovviamente la deviazione del corso del fiume.
L'aspetto attuale della Riviera del Brenta è il frutto di tutti questi accadimenti e delle modifiche apportatevi nel corso dei secoli, ma ciò che la Riviere oggi non mostra del proprio passato è il declino della Repubblica Veneziana, conseguenza della caduta della Serenissima (1797): qui, le ville patrizie, i ricchi giardini e le meraviglie del Brenta rispecchiano ancora a pieno i tempi d'oro del Brenta Vecchia.